Sondrio, muore travolto da slavina

 

SONDRIO -- Uno scialpinista valtellinese ha perso la vita ieri dopo essere stato travolto da una slavina sulle montagne fra Poschiavo e Tirano.


Stando alle prime notizie, l'uomo era impegnato in un'escursione a quota 1800 metri con le pelli di foca. La tragedia  avvenuta nel pomeriggio di ieri, ma soltanto in serata stato

individuato il corpo senza vita dell'escursionista, dato per disperso.

 

A lanciare l'allarme era stato un amico del deceduto. L'uomo a sua volta stato investito dalla slavina ma si miracolosamente salvato. 

 

Lombardia: valanga travolge alpinista
Una tragedia accaduta sulle montagne valtellinesi. Giorgio Della Bona, sci-alpinista  di 42 anni, residente a Grosio (Sondrio), ma che lavorava a Tirano, ha perso la vita dopo essere stato travolto da una valanga sulle montagne fra Poschiavo e Tirano (Sondrio), mentre era impegnato in un'escursione a quota 1800 metri con le pelli di foca. Il fatto si verificato domenica pomeriggio a Selva Quadrata, nel territorio di Poschiavo (Svizzera), poco oltre il confine italo-elvetico di Pittamala.
Il corpo senza vita dell'escursionista, morto per soffocamento e congelamento, stato individuato in serata dopo parecchie ore di ricerche con l'ausilio dei cani anti-valanga. A lanciare l'allarme era stato un amico dell'uomo deceduto, a sua volta investito, in parte, dalla slavina-killer, ma che era riuscito a salvarsi. Nella zona, al momento della disgrazia, c'era una fitta nebbia e nevicava.

 

MALTEMPO: ESCURSIONISTA UCCISO DA VALANGA

Sondrio - Nella zona, al momento della disgrazia, cera una fitta nebbia e nevicava. La vittima Giorgio Della Bona di 42 anni, residente a Grosio.

Sondrio - Nella zona, al momento della disgrazia, cera una fitta nebbia e nevicava. La vittima e Giorgio Della Bona di 42 anni, residente a Grosio (Sondrio), ma che lavorava a Tirano. E deceduto, secondo i primi accertamenti medici, per soffocamento e congelamento.

 

 

 

2/20/2006 6:24:17 AM

ESCURSIONISTA UCCISO DA UNA VALANGA IN LOMBARDIA

Uno sciatore-alpinista valtellinese ha perso la vita dopo essere stato travolto da una valanga sulle montagne fra Poschiavo e Tirano, in provincia di Sondrio, mentre era impegnato in un'escursione a quota 1800 metri con le pelli di foca. A lanciare l'allarme era stato un amico dell'uomo deceduto, a sua volta investito, in parte, dalla slavina-killer, ma che era riuscito a salvarsi.